Link utili

Programma

Istituto Superiore Enrico Fermi, Strada Spolverina 5, Mantova - 26 Ottobre 2012


Il convegno è così strutturato:



Mattina 
Relazioni
Prima sessione 
Seconda sessione 
Pomeriggio 

Terza sessione 
Laboratori, dimostrazioni, incontriExpo cafè 




8:30 - 9:00 Registrazione

9:00 - 9:10 Saluti e introduzione al convegno
relatori: Cristina Bonaglia (Dirigente Istituto Fermi), Piergiovanna Grossi (Università di Verona, Associazione per il Software Libero) e Fausto Picchi (Linux Users Group di Mantova - LUGMan)


Prima sessione (aula 360)
moderatore: Renzo Davoli - Università di Bologna, Associazione per il Software Libero


9:15 - 9:30 Il Software Libero per la didattica nel Trentino
relatore: Benjamin Dandoy, Informatica Trentina

Disposizioni legislative per la promozione del Software Libero e dei dati aperti nella scuola del Trentino, esperienze e sperimentazioni con wii4dida, wiildos, olimposs


9:30 - 9:45 Usare il copyright per diffondere la conoscenza aperta: le licenze per i contenuti, i dati ed il software
relatore: Maurizio Napolitano, Tecnologo Fondazione "Bruno Kessler" di Trento, Presidente dell'Italian Linux Society (ILS)

"Se ho visto più lontano è perché sono salito sulle spalle dei giganti che mi hanno preceduto"
Questa una celebre frase attributi ad Isaac Newton con cui, con apparente modestia, spiegava il segreto del suo successo. Un successo costruito sul sapere degli altri, sulla condivisione della conoscenza. Nel tempo sono nati tantissimi strumenti per cercare di favorire questa condivisione, uno di  questi il copyright che, oltre a portare dei vantaggi, nel mondo del digitale dove il creare copie e ricostruire prodotti e' divenuto piu' semplice, spesso risulta essere un ostacolo. L'intervento metterà in luce come, ribaltando il concetto di copyright, con il simpatico gioco di parole in inglese  "copyleft" (che possiamo semplificare come permesso di copia), si ottiene una via semplice, efficace e giuridicamente valida per poter utilizzare il copyright a proprio favore e creare nuovi prodotti di condivisione della conoscenza. Strumenti, quelle delle licenze pubbliche, usati sia per i dati, che per il software che per i contenuti a cui aderiscono tantissime persone creando quindi una enorme fonte per il riuso e la didattica.

9:45 - 10:00 Wikipedia ed i progetti wiki nella scuola: come creare un'esperienza didattica "ricca" per la scuola 2.0
relatore: Piero Grandesso, Associazione Wikimedia Italia

Wikipedia è l'enciclopedia più consultata dagli studenti per ricerche ed approfondimenti, scolastici e non. Integrare Wikipedia nella didattica permette di arricchire l'offerta formativa e rendere gli studenti partecipi e attivi nella rete. Si presenterà una breve guida ad opportunità (e rischi) nel coinvolgere una classe nella scrittura dell'enciclopedia libera, nonché alcune esperienze didattiche con Wikipedia nelle scuole medie superiori ed all'Università, in Italia ed all'estero. Infine si passeranno in rassegna i possibili usi del materiale ospitato dall'enciclopedia libera e dagli altri progetti collaborativi di Wikimedia Foundation.

10:00 - 10:15 Matematica C3: percorso di realizzazione di un libro di testo Creative Commons
relatore: Claudio Carboncini, insegnante coordinatore progetto Matematica C3

Matematica C3 è un progetto di scrittura collaborativa di manuali di testo per la scuola media superiore con licenza Creative Commons. La licenza adottata  permette di copiare, distribuire, modificare i contenuti dei libri del progetto. A oggi sono stati prodotti i testi che coprono il curriculum di matematica per il primo biennio della scuola superiore.
L'intervento cercherà di delineare il percorso iniziato nell'autunno 2008 che ha portato alla produzione dei contenuti, il perché della scelta di una licenza che incoraggi la diffusione del sapere e quella di utilizzare formati aperti.
Si parlerà inoltre dei contenuti dei  testi, dei costi per la stampa, della possibile fruizione/manipolazione del formato elettronico e delle adozioni registrate nel corrente anno scolastico.
Infine si accennerà ad esempi di creazione di libri di testo liberi e condivisi (ck12.org, cnx.org) per dibattere quale può essere il futuro di Matematica C3 e dei libri di testo per la scuola nel nostro paese.

10:15 - 10:30 Pubblicazioni in Creative Commons: i testi liberamente adottabili nella scuola italiana, stato dell'arte
relatore: Maurizio Grillini, Italian Linux Society ed Emilia Romagna Linux User Group

Esistono veramente testi in licenza Creative Commons adottabili nella scuola italiana? E se esistono, sono effettivamente adottabili?
Il Decreto Sviluppo 2.0 obbligherà le scuole ad adottare testi in versione digitale a partire dall'anno scolastico 2013/2014 ma la vera scadenza è la primavera del 2013, quando i cataloghi inonderanno le nostre scuole. 
La situazione in Italia e all'estero: gli obiettivi da non mancare per avere a disposizione testi in licenza Creative Commons.


10:30 - 10:45 OpenData e Generazione Web - La Regione Lombardia apre ai propri dati, un'opportunità anche per la scuola
relatore: Carlo Maccari, Assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione Regione Lombardia


10:45 - 11:15 Pausa caffè


Seconda sessione (aula 360)
moderatore: Vincenzo d'Andrea - Università di Trento, Associazione per il Software Libero


11:15 - 11:30 Ubuntu Linux: cos'è, cos'è la Comunità Italiana e perchè Ubuntu è la miglior scelta per la scuola
relatore: Dario Cavedon, Community Ubuntu Italia

Ubuntu è una filosofia africana che prende il nome dalla parola zulu che significa "io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti". Partendo da questo concetto di solidarietà universale è nata anche Ubuntu, la versione Linux più diffusa in ambito desktop.
Persone volontarie che contribuiscono attivamente allo sviluppo, alla documentazione, alla traduzione e alla promozione di Ubuntu sono la Comunità Italiana Ubuntu. La facilità di utilizzo, l'apertura ai contributi di tutti, e soprattutto lo spirito di aiuto e crescita reciproca ne fanno lo strumento ideale per l'insegnamento dell'uso del computer, per la diffusione del Software Libero e per l'insegnamento della libera circolazione della conoscenza.

11:30 - 11:45 SUSE Studio e openSUSE L-i-f-e, il tuo Linux su misura per la didattica
relatore: Alessandro Renna, SUSE Italia

openSUSE - www.opensuse.org - è un sistema operativo libero, basato su Linux e adatto al vostro PC, portatile o server. Potete navigare in rete, gestire posta elettronica e fotografie, guardare video, ascoltare musica e studiare.
La versione "L-i-f-e" (Linux for Education) di openSUSE è progettata e realizzata appositamente per studenti, insegnanti e operatori informatici dei laboratori didattici. openSUSE L-i-f-e include applicazioni per studiare geometria, matematica, chimica, elettronica, musica, astronomia e può funzionare come server ospitare contenuti didattici con Moodle.
Può essere inoltre personalizzata facilmente per le esigenze di ogni istituto mediante SUSE Studio - www.susestudio.com - in breve tempo, senza essere un guru di Linux.
La presentazione illustrerà sinteticamente "openSUSE L-i-f-e" e SUSE Studio.

11:45 - 12:00 Farfalla Project, un web piu' accessibile per tutti
relatore: Andrea Mangiatordi, Università degli Studi di Milano Bicocca

Il progetto Farfalla ha l'obiettivo di migliorare l'esperienza di navigazione e l'accessibilità del web per persone con difficoltà diverse (sensoriali, motorie o cognitive) cercando allo stesso tempo di sensibilizzare chi costruisce e gestisce pagine web.
Si tratta di uno strumento leggero e flessibile, pensato per funzionare in qualunque browser e su qualunque sistema. Chi gestisce un sito web può incorporarlo nelle proprie pagine per aggiungere automaticamente tutte le sue funzionalità e metterle a disposizione di ogni visitatore.
Le tecnologie alla base di Farfalla sono libere (jQuery, CakePHP, stack *AMP) ed il codice sorgente è disponibile su gitorious con licenza GNU Affero General Public License (GNU AGPL).


12:00 - 12:15 Tracker, software libero per l'insegnamento della fisica
relatore: Tiziana Morrea, Liceo Scientifico Belfiore di Mantova

Sono sufficienti una telecamera e un PC per trasformare qualunque ambiente in un laboratorio di fisica in cui i ragazzi diventano attori e registi, ma soprattutto, con l'uso di tracker, possono analizzare immagini e filmati ottenendone dati da elaborare. Facile da imparare e di rapida applicazione, tracker si offre come un programma libero e versatile a supporto dell'apprendimento in diversi ambiti della fisica, lasciando spazio all'inventiva e alla curiosità degli alunni.

12:15 - 12:30 Geogebra, un programma libero per la geometria dinamica
relatore: Stefania Ferrari, Istituto Superiore "Fermi" di Mantova

Dopo una breve introduzione al programma, si presenteranno alcuni esempi di attività di scoperta nell'ambito della studio della geometria nel piano nella scuola secondaria di secondo grado. Si mostrerà come la trasformazione dinamica di figure geometriche può potenziare il pensiero immaginativo fino alla formulazione di congetture e al successivo approccio sensato al concetto di dimostrazione.

12:30 - 12:45 Linux Terminal Server Project (LTSP) resucitare un vetusto laboratorio informatico con poche risorse
relatore: Graziano Piva, Idea Web Agency

Linux Terminal Server Project è un sistema che permette, tramite l'installazione su un pc Server, di avviare, tramite la rete, dei pc client che ricevono dal Server stesso il SO e quindi no hanno bisogno di installazione sul proprio disco rigido. Questo sistema permette il riutilizzo di pc obsoleti (il minimo richiesto è un Pentium 2/3 con 256 MB di RAM ) a fronte dell'acquisto di un server opportunamente configurato (CPU da Core 2 in su, 100 MB RAM per ogni postazione client ). I vantaggi per la Scuola sono molti:
1) Utilizzo di software opensource con le peculiarità che esso comporta
2) Basso costo di allestimento
3) Riutilizzo di pc obsoleti altrimenti inutilizzati per software malfunzionante, no problemi di smaltimento
5) Possibilità, a richiesta, di utilizzare i SO installati sui pc
4) Gestione centralizzata del software, con accesso limitato degli utenti
5) Assenza di virus e malware
Attualmente abbiamo installato LTSP presso Primaria Guidizzolo, Primaria e Secondaria Cavriana, Primaria e Secondaria Ceresara, Primaria e Secondaria Medole e, a Mantova,  Primaria Nievo, Primaria Ardigò e Secondaria Sacchi; è inoltre in itinire il Laboratorio della Primaria Mazzolari.

12:45 - 13:00 Wiild e Raspberry Pi: lavagna multimediale libera e progetti di utilizzo didattico del Raspberry Pi
relatore: Luca Peresson, Istituto Malignani di Udine

L'intervento vuole essere la presentazione di un caso di studio: a partire dalla necessità di attrezzare un'aula informatica con tecnologie a basso costo è stato sviluppato un progetto che ha coinvolto tecnologie basate sulla filosofia open source e una reinterpretazione di diversi progetti informatici:
1) un laboratorio basato su LTSP;
2) una LIM basata su tecnologia WII;
3) tecniche di streaming televisivo per gli appunti sulle postazioni studenti;
4) la reingegnerizzazione della penna a raggi infrarossi;
5) una postazione studente basata su proiettori a led a bassa potenza;
6) un'aula a basso impatto energetico;
7) l'utilizzo del dispositivo Raspberry PI.


13:00 - 14:00 Pausa Pranzo




Terza sessione (aula 360)
moderatore: Vincenzo d'Andrea - Università di Trento, Associazione per il Software Libero



14:00 - 14:15 3D printing e didattica: verso le Open Hardware Educational Resources
relatori: Lorenzo Cantini e Alessandro Carelli, Kentstrapper

Parte I: cos'è una stampante 3D Open Source, come funziona, cosa aspettarsi. Una mappatura delle esperienze più significative in rete, compresi, naturalmente, il progetto Rep Rap e i tools disponibili in rete.
Parte II: Presentazione della nostra esperienza con l'Istituto Tecnico "E. Scalfaro" di Taranto, e del progetto Levitron. Da qui, alcune considerazioni sulla possibilità di integrazione di questa tecnologia in un contesto didattico-laboratoriale, anche in rapporto alle esperienze estere di cui siamo a conoscenza.
Parte III: Presenteremo, in ultimo, il progetto al quale stiamo lavorando, denominato (per il momento) Open Hardware Educational Resource (OHER): una piattaforma di file sharing per aggregare contenuti digitali educativi di vario genere (sul modello delle OER), al fine di utilizzare le tecnologie open hardware per lo svolgimento delle attività didattiche.

14:15 - 14:30 Wiildos e Jclic, esempi di attività didattiche da utilizzare in classe e in rete
relatore: Paolo Mauri, Scuola Primaria Bosisio Parini

JClic è una "cassetta degli attrezzi" che permette la preparazione di diverse attività modulabili a diversi livelli di scolarità.
Sono a disposizione puzzle, cruciverba, associazioni, crucipuzzle...
E' possibile avviare l'ascolto di suoni, registrazioni, video ed integrare collegamenti con risorse sia in locale che nel web. I progetti possono essere eseguiti in classe oppure messi in rete a disposizione degli alunni che quindi non hanno bisogno di installare nulla sul proprio computer.
JClic lavora con diversi sistemi operativi: windows, mac o linux.
L'insegnante può trovare molte risorse già predisposte nel repository del progetto (http://clic.xtec.cat/en/act/index.htm prevalentemente in lingua spagnola o inglese) o nel sito www.didattica.org, curato da Giorgio Musilli, dove si possono trovare le traduzioni di molti progetti.
E' molto pratico nell'uso abbinato ad una lavagna digitale come WiildOs.

14:30 - 14:45 SoDiLinux, SD2 e SoDILinux@cts.vr
relatori: Giovanni P. Caruso, Istituto Tecnologie Didattiche del CNR di Genova, Francesco Fusillo, Centro Territoriale di Supporto dell'Ufficio Scolastico Territoriale di Verona

La storia di una distribuzione GNU/Linux per per la scuola italiana e di un motore di ricerca per software didattico libero è presentata attraverso esempi ed esperienze, approfondendo l'evoluzione del progetto nella distribuzione *SoDILinux@cts.vr*, con particolare attenzione al problema dell'accessibilità e dell'interoperabilità





Expo cafè (open space presso sala mensa)

15:00 - 15:15 Introduzione e presentazione

a cura di: Piergiovanna Grossi - Università di Verona, Associazione per il Software Libero

15:00 - 16:30 Laboratori, prove pratiche, dimostrazioni, incontri

In questo spazio aperto, come in una piccola fiera, saranno presenti banchetti di presentazione di vari progetti. Sarà possibile assistere a dimostrazioni, seguire laboratori, sporcarsi le mani ed incontrare i relatori della mattina.
Saranno presenti:
  • Wiildos - Matteo Ruffoni
  • Farfalla Project - Andrea Mangiatordi
  • LTSP - Graziano Piva e Faber
  • Postazioni libere - LUGMan
  • Kturtle - Luisa Ravelli
  • Dossier Scuola - Luca Ferroni
Stampante 3D - Lorenzo Cantini, Kentstrapper
Che cos'è una stampante 3D e cosa posso stampare??
La stampante 3D con tecnologia fused filament fabrication è uno strumento che permette di materializzare volumi molto complessi, prodotti con i software di modellazione CAD, attraverso la deposizione di un filamento di materiale plastico stratificato, fino a raggiungere il volume desiderato, con tolleranze che posso raggiungere i 0.1 mm. Questi dispositivi, che trovano naturale applicazione come strumenti per il rapid prototyping o digital manfacturing, sia in contesti professionali, sia amatoriali, derivano da un progetto sviluppato grazie all'impegno di una comunità on line (Rep Rap). Partendo dal progetto RepRap Kentstrapper ha realizzato il suo modello di stampante 3d che presenta alcuni miglioramenti ed evoluzioni.
L'intento del Laboratorio sarà capire come funzionano e come possono essere utilizzate 
Wikipedia - Piero Grandesso

Ii progetti liberi Wikimedia rappresentano una grande risorsa ed opportunità per la scuola e l'università, ma anche una sfida da non prendere alla leggera. Approfondiremo questi argomenti e proveremo a capire insieme cosa si può fare per rendere i progetti più aperti alla didattica; quali sono gli usi e le interazioni possibili? avete esperienze da raccontare?

Software libero per l'architettura - Marco Ferrara e Marzia Filatrella
Software libero per l'architettura è un progetto finalizzato a promuovere e agevolare un rinnovamento culturale tra gli attori del mondo del progetto offrendo ai professionisti operanti in tale ambito gli strumenti critici e pratici per l'acquisizione di una maggiore consapevolezza informatica e, attraverso ciò, una più profonda e autonoma capacità critica per lo svolgimento della propria attività professionale. http://www.mfarchitetti.it/softwareliberoperlarchitettura/

Tracker: esempi di applicazioni nello studio del moto in una e due dimensioni - Tiziana Morrea 

Pochi 'click' applicati ai fotogrammi di un video e il moto di un oggetto ripreso con una telecamera può essere completamente analizzato. L'intervento prevede la descrizione completa della sequenza dei passi necessari per questo scopo. Inoltre saranno presentate alcune analisi di moto in una e due dimensioni svolte con gli alunni. Verranno forniti, ai docenti presenti, materiali didattici da usare nelle classi.

Tecnologia povera - Maurizio Marangoni e Francesco Fusillo

Come auto-costruire con pochi euro una tavoletta grafica e sfruttarla didatticamente, per i DSA, ma anche per lo studio differito. Insegnare la matematica ma non solo, con una telecamerina usata in modo creativo.
Quando le video lezioni le facciamo noi per i nostri ragazzini catturando il desktop (PC o Eco-LIM, ottima soluzione per i per i DSA).
Provare il controller Vmarker e una "Eco-LIM da Viaggio" e la possibilità "lavagnabile" di Draw e Writer.
Quando non è la classe che va in aula informatica, ma l'aula informatica che va in classe. Una Eco-lim portabile con 6 PC viaggia per la scuola.

16:30 - 17:00 Dibattito e chiusura convegno
Moderatori: Piergiovanna Grossi (Università di Verona, Associazione per il Software Libero), Fausto Picchi (Linux Users Group di Mantova - LUGMan), Raffaella Traniello (IC Ponte San Nicolò).